Ricetta frullato banana, datteri, cocco e carruba
Riccardo Zefelippo

Riccardo Zefelippo

Frullato banana, datteri, cocco e carruba

0 Condivisioni

Cerchi nuove idee su come fare un frullato buono, fresco ed energizzante?

O ancora meglio, cerchi un frullato di banane buono fresco ed energizzante?

Se la tua risposta è sì, allora sei sulla pagina giusta.

Ma se la risposta è no, allora aspetta un attimo.

Leggi questo breve articolo se pensi che qualche consiglio su frullati (grandi amici della tua salute) e digestione possa valere un investimenti di circa 2 minuti e mezzo di lettura.

Ready? Andiamo.

Il potere dei frullati: un concentrato di salute

I frullati sono veramente un ottimo modo per nutrirsi a dovere.

Mettendo insieme pochi ingredienti hai un concentrato di nutrienti crudi, vivi, naturali.

Sono veloci da preparare e veloci da consumare.

Riempiono molto e danno energia in poco tempo.

Questo però, a patto che siano ben bilanciati e anche ben combinati.

Che cosa intendo?

Per ben bilanciati intendo che fare un frullato con avocado, banane, cocco, cacao e datteri rischia di risultare un po’ pesante e di difficile digestione.

Tutti e 5 i personaggi di questo esempio sono molto concentrati (l’avocado di grassi e i datteri di zuccheri ad esempio) .

La digestione quindi non sarà semplice e veloce come quella necessaria alla digestione di un frullato di sole banane ad esempio.

Per quanto riguarda il “ben combinati” invece, il discorso è diverso.

Ti spiego subito in che senso è diverso.

Come forse saprai, per favorire una buona digestione e una corretta assimilazione di quello che mangi, è bene combinare in modo corretto gli alimenti che assumiamo nel pasto.

Mangiare un piatto di pasta e dopo uno di fagioli darà risultati ben diversi dal mangiare un’insalata, un piatto di pasta e poi della verdura.

E non sto parlando di calorie totali, di quanti carboidrati, di quante proteine o di quante quello che vuoi hai assunto.

Sto parlando di come vengono digeriti gli alimenti.

Nel primo caso la pasta avrà bisogno che il tuo stomaco la accolga in un ambiente alcalino (cioè con pH superiore a 7) per essere digerita bene.

Mentre i fagioli avranno bisogno di un’accoglienza molto più acida per fare in modo che le loro proteine vengano scisse in aminoacidi e poi assimilate.

Nel secondo caso invece insalata, pasta e verdure vanno d’accordo e la digestione avverrà in modo tranquillo.

Ovviamente non abbiamo tenuto in considerazione tante cose, come i condimenti usati o lo stato di salute del tuo intestino.

Lo scopo ora non era di approfondire l’argomento combinazioni alimentari, ma solo di darti un’idea.

Se vuoi scoprire di più su come combinare gli alimenti, questo è l’articolo che ti consiglio di leggere.

Dopo aver inquadrato la questione combinazioni alimentari, va fatta una precisazione in relazione ai frullati.

Di che parlo?

Quando frulli diverse cose, ne esce fuori una miscela unica, gli ingredienti usati sono ormai uniti in un tutt’uno.

Quindi il pH di ciò che berrai sarà unico e quindi il discorso combinazioni è piuttosto relativo.

Io ho notato comunque che mi risultano più leggeri frullati fatti già in partenza con ingredienti ben combinati.

È anche vero però che rispettare il più possibile le linee guida di una corretta combinazione degli alimenti ti farà dormire sonni tranquilli evitando spiacevoli conseguenze.

Quali spiacevoli conseguenze? Vai all’articolo sulle combinazioni e le scoprirai.

È probabile che tu stia provando qualcuna di quelle spiacevoli conseguenze senza neanche conoscerne il motivo!

Ora passiamo alla ricetta del frullato…

Frullato banana, datteri, cocco e carruba: la ricetta

  • 2 banane congelate
  • 2 datteri Medjoul
  • 2 cucchiai di cocco grattugiato
  • 1 cucchiaio di carruba
  • 1 cucchiaino di cannella
  • circa 150/200 ml di latte vegetale (dipende da quanto ti piace denso)

 

Se usi il latte di cocco, puoi anche diminuire la dose di cocco grattugiato a 1 cucchiaio, giusto per dare un po’ di quella fantastica consistenza che ti accarezza il palato mentre bevi il frullato.

Per avere sempre banane congelate pronte da frullare io faccio così:

  1. compro una decina di banane e aspetto che maturino bene (sono più nutrienti).
  2.  le taglio e le congelo a 2 a 2.
  3. quando voglio un frullato ho già la mia porzione pronta di banane.

Se hai un frullatore ad alta velocità, tipo questo (che ho io stesso da più di 2 anni) o questo (tra i top di gamma), il frullato risulterà molto più liscio e cremoso.

Se invece hai il classico tritatutto da cucina va benissimo lo stesso. È probabile che resteranno dei pezzetti non frullati, ma il risultato farà comunque bene alla tua salute.

Questo è uno dei miei frullati preferiti da usare come pasto principale, spesso come pranzo nelle calde giornate estive.

Se ti va scrivimi su Instagram cliccando qui o taggando @riccardo.ze per farmi sapere cosa ne pensi e qual è invece il tuo frullato preferito.

Un abbraccio,

Riccardo

0 Condivisioni
Condividi l'articolo con qualcuno che conosci
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su print

Aspetta...

Ho 2 regali per te:
il PDF e lo schema stampabile che ti aiutano a digerire sempre al meglio

Inserisci Nome ed Email qui sotto per ricevere i regali e iniziare a risolvere tutti i tuoi problemi digestivi

Scoprire le combinazioni alimentari e applicarle ha cambiato la mia digestione, la mia vita e...può fare lo stesso con te!

Ho preparato un PDF introduttivo e uno schema stampabile che le riassume in modo semplice e chiaro

Lascia i tuoi dati qui sotto per riceverlo gratuitamente